Associazione PrimaVera Montoro lancia due proposte all’amministrazione Bianchino: clausola sociale e fondo per i morosi

image

Nei giorni scorsi sono stati presentati al Comune di Montoro due note indirizzate al sindaco, Mario Bianchino, a firma della consigliera di opposizione Luisa Montefusco, presentate a nome dell’associazione PrimaVera Montoro, associazione nata a seguito delle elezioni amministrative e che hanno in Francesco Tolino il leader di riferimento.
La prima proposta riguarda l’invito rivolto all’amministrazione di inserire “la clausola sociale” nei bandi di gara per l’appalto dei lavori e dei servizi a cui il Comune di Montoro deve far fronte, in rispetto anche dell’art. 69 del d. lgs. n. 163/2006, infatti, in detto testo di legge, si dà la possibilità alle stazioni appaltanti di poter inserire delle condizioni particolari per l’esecuzione del contratto a fini sociali o ambientali, e che siano opportunamente accettati dagli operatori aggiudicatari.
L’associazione “PrimaVera Montoro”, ritiene che tale proposta è dovuta anche perché gli enti locali sono chiamati, da un lato, a promuovere la responsabilità sociale d’impresa delle aziende del territorio, dall’altro, ad agire in modo diretto, dando un chiaro indirizzo sociale alla spesa pubblica, anche attraverso l’inserimento, appunto, di clausole sociali negli appalti per favorire l’inserimento lavorativo di persone in condizione di svantaggio. A tal fine propongono di istituire delle short list di persone con diverse qualifiche lavorative e/o professionali. Da tali elenchi, formulati con l’opportuna collaborazione dei Servizi Sociali del Comune di Montoro, le imprese appaltatrici dovranno attingere il 50% della forza lavoro che, in virtù dell’appalto aggiudicatosi, dovessero avere necessità di assumere.
La seconda proposta rivolta all’amministrazione comunale, è quella di prendere atto delle Linee Guida per l’accesso al fondo destinato agli inquilini morosi incolpevoli, ai sensi dell’art. 6, c.5 della Legge n. 124 del 28.10.2014, emanate dalla Regione Campania con la Deliberazione di Giunta Regionale n. 804 del 30.12.2014, e di attivarsi con solerzia alla pubblicazione di un bando per l’accesso dei cittadini di Montoro al Fondo destinato agli inquilini morosi incolpevoli.
Situazione, quella della morosità dei fitti degli inquilini e degli sfratti, che affligge diverse famiglie di Montoro, maggiormente avvertiti in questo periodo di grave crisi economica ed occupazionale.
L’attuazione di queste misure potrebbero essere un segnale di supporto a coloro che versano in condizioni di difficoltà e di disagio.
Queste due proposte meritano, senza dubbio, un seria riflessione alla maggioranza di governo al fine di trovare il modo di attuare tali iniziative, che certamente vanno nella direzione di una maggiore attenzione ai casi di disagio sociale che attanagliano il nostro comune.
Si sollecita, inoltre, l’impegno a privilegiare l’occupazione locale nei casi di appalti per la concessione di lavori o servizi sul territorio comunale. Queste misure potrebbero costituire un’importante innovazione, una notevole leva per il conseguimento di obiettivi sociali, un fattore di sviluppo dell’economia locale e una opportunità di creazione e mantenimento di occupazione, con particolare riferimento a quella dei cittadini in condizioni di svantaggio sociale.