Modello 730/2015 pre compilato: istruzioni operative

image

Dal 15 aprile, l’Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei contribuenti il modello 730/2015  precompilato nel proprio sito internet. Ecco alcune indicazioni utili per la gestione della dichiarazione.

I contribuenti che vorranno utilizzare questa opportunità dovranno dotarsi di PIN, accedere al sito dell’Agenzia e accettare o modificare la propria dichiarazione; inoltre potranno avvalersi dei servizi dei CAF o di un professionista abilitato per l’elaborazione della dichiarazione.

Il modello precompilato viene messo a disposizione dei lavoratori dipendenti e pensionati che:

  1. nell’anno 2014 hanno presentato il mod. 730 per i redditi del 2013;
  2. hanno ricevuto dal proprio sostituto d’imposta (azienda per la quale si presta la propria attività lavorativa o l’ente previdenziale) la Certificazione Unica 2015, la quale contiene i redditi da lavoro dipendente o assimilato o i redditi di pensione percepiti nell’anno 2014.
  3. Non tutti potranno utilizzare la procedura sopra descritta e alcuni contribuenti, purtroppo, non troveranno nel sito dell’Agenzia delle Entrate la propria dichiarazione “precompilata”. Infatti, nelle istruzioni per la compilazione del modello 730/2015, si legge che “la dichiarazione precompilata non viene predisposta se, con riferimento all’anno d’imposta precedente, il contribuente ha presentato dichiarazioni correttive nei termini o integrative, per le quali, al momento della lavorazione della dichiarazione precompilata, è ancora in corso l’attività di liquidazione automatizzata”.

Nel Modello precompilato vengono riportate le seguenti informazioni:

  1. redditi contenuti nella Certificazione Unica, consegnata dai sostituti di imposta;
  2. interessi passivi su mutui, premi assicurativi, contributi previdenziali e altri dati che sono forniti dai relativi enti all’Agenzia delle Entrate;
  3. altre informazioni contenute nella dichiarazione presentata nell’anno precedente, come ad esempio oneri detraibili che sono rateizzati, per spese di ristrutturazione edilizia e per il risparmio energetico.

Quest’anno non sono contenuti i dati relativi alle spese mediche.

Qualora i dati contenuti nel modello 730/2015 precompilato sono irregolari, inesatti o mancanti il contribuente deve procedere ad effettuare le opportuni correzioni o eventuali integrazioni.

Il modello precompilato deve essere presentato all’Agenzia delle Entrate entro il 7 luglio 2015 o direttamente dal contribuente, indicando i dati del sostituto di imposta, o tramite un CAF o professionista abilitato.

In alternativa a quello precompilato si può presentare il Modello 730 ordinario, in tale modello si dichiarano:

– redditi di terreni e fabbricati;

– redditi di lavoro dipendente o assimilati;

– redditi di capitale;

– redditi di lavoro autonomo per i quali non vi è necessità della partita iva;

– redditi diversi e soggetti a tassazione separata.

I soggetti, invece, che sono obbligati ad utilizzare il Modello Unico persone fisiche 2015, sono coloro che nel 2014 hanno percepito:

– redditi di impresa;

– redditi di lavoro autonomo soggetti ad IVA;

– alcuni tipi di redditi diversi;

– plusvalenze che derivano dalla cessione di alcune tipologie di partecipazioni societarie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...